nota straordinaria marzo 2020

Cari amici, mala tempora currunt…

nel facondo meridione la buriana non ci ha ancora travolto, esprimo solidarietà a tutti gli iscritti che che stanno vivendo questo momento difficile. Adda passà a nuttata…

Spero che LDB stia fungendo in qualche modo da palliativo a coloro che forzatamente sono costretti alla reclusione. Siamo con voi…

Le attività del blog non si fermano di certo, e in attesa delle nuove infornate vi faccio qualche proposta di lettura

E’ il primo libro che vi consiglio è giustappunto legato al mondo delle epidemie. Si tratta di spillover di David Quammen, apparso originariamente sul sito a marzo del 2017

Ogni lettore reagirà in modo diverso alle scene che David Quammen racconta seguendo da vicino i cacciatori di virus cui questo libro è dedicato, quindi entrerà con uno spirito diverso nelle grotte della Malesia sulle cui pareti vivono migliaia di pipistrelli, o nel folto della foresta pluviale del Congo, alla ricerca di rarissimi, e apparentemente inoffensivi, gorilla. Ma quando scoprirà che ciascuno di quegli animali, come i maiali, le zanzare o gli scimpanzé che si incontrano in altre pagine, può essere il vettore della prossima pandemia – di Nipah, Ebola, SARS, o di virus dormienti e ancora solo in parte conosciuti, che un piccolo spillover può trasmettere all’uomo –, ogni lettore risponderà allo stesso modo: non riuscirà più a dormire, o almeno non prima di avere letto il racconto di Quammen fino all’ultima riga. E a quel punto, forse, deciderà di ricominciarlo daccapo, sperando di capire se a provocare il prossimo Big One – la prossima grande epidemia – sarà davvero Ebola, o un’al­tra entità ancora innominata.

« Se si tiene costante il tasso medio di trasmissione, » mi disse « basta aggiungere eterogeneità per ridurre il tasso globale di infezione». Sembra un arido teorema, ma in altre parole significa che gli sforzi e le scelte ponderate dei singoli possono avere grande importanza al fine di scongiurare la catastrofe che potrebbe ucciderci come mosche. Un bombice magari eredita geneticamente una caratteristica che lo rende leggermente più bravo a evitare le particelle di NPV mentre mastica una foglia, ed è tutto lì. Un essere umano invece può scegliere di non bere la linfa di palma, di non mangiare scimpanzé, di non mettere il recinto dei maiali sotto un albero di mango, di non liberare le vie aree di un cavallo da corsa a mani nude, di non fare sesso non protetto con una prostituta, di non drogarsi con una siringa usata, di non tossire senza coprirsi la bocca, di non salire a bordo di un aereo se non si sente bene, di non allevare galline e anatre insieme, e così via. « Ogni piccola cosa che facciamo può abbassare il tasso di infezione, se ci rende diversi gli uni dagli altri e non corrisponde al comportamento standard del gruppo » mi disse Dwyer, dopo aver riflettuto per una mezz’ora sulla mia proposta di analogia con i suoi amati bruchi.

 

buone letture

23 pensieri su “nota straordinaria marzo 2020

  1. Ciao Natjus! Ne approfitto per ringraziarti di tutto il lavoro che fai, questo sito è meraviglioso, e adesso che è chiuso tntvillage ce ne è ancora più bisogno di prima.

    In ogni caso: nella cartella marzo 2020 Spillover non c’è! (storia delle epidemie invece si). Sbaglio qualcosa io?

      • Grazie! Speriamo a forza di libri di resistere a questa quarantena, da oggi hanno vietato anche le mie amate biciclettate notturne per la città-fantasma…

  2. Ciao, potete aggiungermi?
    Vi ringrazio
    p. s. scusate per le eventuali ripetizioni ma non riesco a leggere (non li trovo tra quelli pubblicati) i messaggi che invio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *